Zingaretti: “Il governo è alla paralisi totale”

Focus

La visita del leader Dem ad Amatrice in occasione dell’inaugurazione del polo scolastico Romolo Capranica: un campus antisismico di 12mila metri quadrati dedicato a diverse scuole e licei

“Questa scuola è prima di tutto un simbolo dell’Italia che funziona, è uno dei più belli e moderni edifici scolastici del Paese e dimostra al mondo che anche le missioni più difficili sono possibili”. Così il segretario Dem Nicola Zingaretti, nelle vesti di presidente della Regione Lazio, è intervenuto all’inaugurazione del polo scolastico Romolo Capranica ad Amatrice. Era presente anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che Zingaretti ha voluto ringraziare: “La sua presenza continua a sottolineare l’importanza che ha per lo Stato questa parte dell’Italia, bellissima e ferita, che non si arrende”.

Ricco di spazi per le attività didattiche e ricreative, immerso nel verde, il nuovo Campus inaugurato oggi è a Villa San Cipriano. È stato intitolato a “Romolo Capranica”, prima vittima di Amatrice della Grande Guerra, che aveva già dato il nome alla scuola distrutta dal terremoto del 2016. E il Campus, oltre a essere stato progettato nel pieno rispetto delle normative antisismiche, può contare su impianti ad altissima efficienza energetica ed è privo di barriere architettoniche. Si estende su un’area di 12mila metri quadrati e comprende scuola materna, primaria, secondaria di primo grado e liceo scientifico sportivo internazionale, con convitto e la palestra. Un istituto frequentato da più di 300 ragazzi.

“Grazie ai cittadini di queste aree che non si sono mai arresi”, ha aggiunto nel suo intervento Zingaretti sottolineando come non sia stato facile e come “i cittadini non si siano mai arresi, oltre ai sindaci, i volontari che per giorni e mesi hanno dato tutto affinché nessuno si sentisse solo”.

Per il segretario dem adesso l’impegno sarà quello di andare avanti su quattro pilastri: istruzione, salute, casa e lavoro. Insomma, sottolinea Zingaretti, è necessario proseguire a differenza di quanto avviene a livello nazionale, dove “il progetto politico del governo gialloverde, ammesso che ci sia mai stato, è fallito. Ormai siamo agli insulti continui e soprattutto alla paralisi totale che pagano gli italiani. La smettano con questa sceneggiata e traggano le conseguenze”.

“Noi italiani – ha concluso – abbiamo vissuto molti momenti drammatici, ma abbiamo sempre saputo rialzarci, collaborando, tutti uniti. Le sfide  sono ancora enormi, ma continueremo ad ascoltare la voglia di futuro e, prometto, non abbasseremo mai la guardia”.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli