Zingaretti: “Siamo pronti al voto, per fortuna sta finendo un incubo”

Focus

Il segretario Dem: “Da subito tutti al lavoro, insieme, per far vincere l’Italia migliore”.

In attesa di capire che cosa ne sarà del governo Conte e in vista di un’eventuale crisi arriva l’intervento del segretario del Pd, Nicola Zingaretti, che in un post sulla sua pagina Facebook annuncia: “Siamo pronti alla sfida. Nelle prossime elezioni non si deciderà solo quale Governo ma anche del destino della nostra democrazia, della collocazione internazionale del nostro Paese”. “Il Pd – aggiunge Zingaretti – chiama a raccolta tutte le forze che intendono fermare idee e personaggi pericolosi. Da subito tutti al lavoro, insieme, per far vincere l’Italia migliore”.

“Lo avevo detto ed è stato confermato – ha detto poi in collegamento da Villalunga per un intervista a In Onda, su La7 – il governo gialloverde è fallito. Hanno paura della manovra di ottobre quando tutti i nodi verranno al pettine. Avevano promesso la rivoluzione e hanno combinato un disastro: si vada alle camere e poi si aprano le urne per dare la parola agli italiani”.

Quanto ai possibili futuri scenari, ha sottolineato come la prerogativa spetti al presidente della Repubblica, “che è il più saggio di tutti: questo governo deve andare al Senato o alla Camera per vedere se ottiene la fiducia e se non ce l’ha deve andare a casa. Sta finendo un incubo, per fortuna. Ora è giunto il tempo di organizzare l’alternativa con un Partito Democratico forte e unito”. E questo proposito, durante l’intervista rilasciata a In Onda, ha rivolto un appello all’unità del partito: “Come segretario dico: questa volta, per prima cosa l’Unità. Cancelliamo la dimensione dell’Io e cominciamo a ragionare col noi per non far cadere questo paese nelle mani di Salvini. Io sono ottimista. Sono convinto che tutti i dirigenti di questo partito lo capiranno e si metteranno al servizio”. E si rivolge anche a Renzi: “Dico a Matteo: aiuta, dai una mano. È legittimo che fai politica, sei una risorsa e aiutaci a vincere le elezioni al prossimo appuntamento elettorale, perché abbiamo il dovere di non permettere mai più che quelli che hanno vinto il 4 marzo tornino al governo, abbiamo il dovere di lasciare ai nostri figli e nipoti un paese migliore”.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli