Zingaretti: “Ecco come si può pulire Roma in sette giorni”

Focus

“E’ un piano di emergenza che obbliga tutti a fare la loro parte”: il governatore del Lazio in campo visto che la Raggi non ce la fa

Un cronoprogramma dettagliato, da seguire alla lettera, per cui Zingaretti spera “non debbano servire sanzioni”. Archiviato lo scontro totale di ieri tra un “Nicola, scappi” e un “Virginia vergognati”  la Regione Lazio usa il pugno di ferro questa volta e con un’ordinanza studiata dal vicepresidente Leodori e dall’assessore Valeriani vengono assegnati i compiti per uscire dall’emergenza rifiuti in cui la Capitale versa.

Il cronoprogramma

Entro 48 ore Ama dovrà provvedere all’immediata raccolta dei rifiuti e disinfezione vicino ai siti sensibili come ospedali, scuole, mercati e ristoranti. In una settimana l’intera città deve essere pulita. Questi i diktat temporali che la Regione Lazio impone ad Ama nell’ordinanza che il governatore del Lazio ha firmato per risolvere la crisi dei rifiuti che attanaglia la città.

Ogni tre giorni Ama dovrà fornire aggiornamenti sullo stato di adempimento di ciò che dispone l’ordinanza. Le Asl Roma 1, 2 e 3 dovranno attivare protocolli di verifica e monitoraggio. Roma Capitale, dispone infine l’ordinanza, dovrà fornire aggiornamenti settimanali sulla gestione dei rifiuti urbani.

L’atto, che durerà fino a settembre, impone da una parte ai tutti gli impianti del Lazio (Tmb, discariche e l’inceneritore di San Vittore) di prendere i rifiuti di Roma e dall’altra ad Ama di svolgere una serie di compiti in tempi precisi. “E’ un piano di emergenza che obbliga tutti a fare la loro parte”, spiega Zingaretti.

Il sito di Saxa Rubra

“Si parte in tempi brevissimi e contingentati, considerati i rischi per l’igiene e per la salute. Ogni azione sarà costantemente monitorata”, aggiunge Zingaretti in conferenza stampa. “Con l’ordinanza sui rifiuti di Roma, la Regione prevede obblighi per gli impianti e prescrizioni per Ama e Campidoglio”, prosegue sottolineando che nei tempi di validità dell’ordinanza e cioè fino al 30 settembre non ci saranno aumenti di tariffe.
Intanto il sindaco della Capitale, Virginia Raggi, ha firmato l’ordinanza per individuare un’area di Saxa Rubra, di proprietà di Roma Capitale, come sito per le attività di trasbordo dei rifiuti urbani. La raccolta, il trasporto e la lavorazione nei propri impianti ‎dovrà essere garantita anche nei festivi. Entro 15 giorni, inoltre, vanno individuati e messi in esercizio uno o più siti alternativi di trasferenza e di trasbordo, mantenendo in esercizio quello già autorizzato.

Il piano-rifiuti

“Vorrei sgomberare il campo da un equivoco: gli impianti nel Lazio ci sono, funzionano e grazie a questi impianti Roma può avere il giusto supporto”, ha detto poi il presidente della regione Lazio. “La vera questione – ha aggiunto – è che Roma non è autosufficiente nella raccolta, nel trattamento e nella carenza degli impianti di trasferenza”. E invece, è assolutamente necessario, ha proseguito Zingaretti, “mettere mano a una situazione complessa con un spirito collaborativo per avere un progetto credibile. Il 9 la Regione parteciperà al tavolo inter-istituzionale al ministero con la massima disponibilità. Anche questa ordinanza nasce da una serie di incontri serrati con il ministro. Confermiamo l’obiettivo di arrivare entro fine luglio all’approvazione del piano rifiuti e confermo che partirà il bando per la costruzione della fabbrica Green di Colleferro”.

Nessuna sanzione

Con questa ordinanza — ha poi spiegato il governatore — si chiede aiuto a tutti gli impianti disponibili del Lazio dando massima disponibilità come Regione. Ma si chiede anche ad Ama di adoperarsi con impianti provvisori e turni di sabato e domenica, affinché entro pochi giorni si ritorni alla normalità. È un piano di emergenza che obbliga tutti a fare la loro parte. Questa è la filosofia dell’ordinanza che dà certezze e non è punitiva ma punta all’efficienza di un sistema”.

Ora gli occhi (e i nasi) dei cittadini romani sono tutti puntati alla ricerca di quel decoro e quella pulizia ormai dimenticata.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli