Abrogare l’obbligo? Salvini scherza con la salute. Parla Burioni

Vaccini

“Ricordiamoci che la Francia ci ha copiato, visto che dal primo gennaio è entrata in vigore una legge simile alla nostra, solo più severa. Per una volta siamo stati noi da esempio ad altri paesi europei”

“Sulle tasse dicano quello che vogliono ma sulla salute non si gioca, e qui si sta scherzando con la salute”. Al professor Roberto Burioni, autore del libro ‘La congiura dei somari – perché la scienza non può essere democratica’, e fustigatore su giornali e social dei cosiddetti ‘No vax’, proprio non è andata giù l’ultima uscita del leader della lega Matteo Salvini, che in un tweet ha annunciato ‘Cancelleremo norme Lorenzin. Vaccini sì, obbligo no”.

Professore come giudica l’ultima uscita del leader della Lega?
Su certi temi non si dovrebbe scherzare. Siamo il Paese con la copertura vaccinale più bassa d’Europa e abbiamo avuto un’epidemia di morbillo da medioevo, con un padre di famiglia di 41 anni morto appena tre giorni fa. Dunque c’è un problema ed è necessario fare qualcosa.

Perché la proposta di Salvini non regge, secondo lei?
Il Governo, con il supporto dell’opposizione, ha fatto la legge Lorenzin. Vedremo nel tempo come va, ma quel che è certo è che fin qui uno studio pubblicato dalla prestigiosa rivista Lancet ha certificato che da giugno a ottobre 2017 la copertura vaccinale in Italia è cresciuta del 3%, con il 30% dei bambini non vaccinati nati tra il 2011 e il 2015 che si sono messi in regola. Non sono ancora conclusioni definitive sull’efficacia della legge, ma sono numeri che ci autorizzano a sperare che la norma stia funzionando. Proporre di abrogarla è solo lisciare il pelo di chi crede nelle superstizioni nel tentativo di prendersi quei voti.

Un tentativo che stanno portando avanti anche altri movimenti. Come se ne esce?
C’è uno scivolone in direzione di una tendenza antiscientifica che un politico serio dovrebbe contrastare con tutte le sue energie. Purtroppo il nostro Stato ha barcollato troppe volte tra scienza e superstizione, dalla cura Di Bella al metodo Stamina. È solo da poco che politici come Renzi o Mattarella hanno preso una posizione netta a favore e della scienza.

Come spiega la diffusione delle superstizioni No vax?
È incredibile ma la superstizione continua a essere forte nell’opinione pubblica. Le bugie fanno presa, mal’importante è tenere la barra dritta nella direzione della responsabilità. Abrogare la legge Lorenzin? Se ne può parlare ma tra qualche anno, dopo che se ne sono valutati i risultati. E in ogni caso la stessa legge già prevede un meccanismo di rivalutazione delle norme. Nel frattempo però ricordiamoci che la Francia ci ha copiato, visto che dal primo gennaio è entrata in vigore una legge simile alla nostra, solo più severa. Per una volta siamo stati noi da esempio ad altri paesi europei.

La campagna elettorale sta entrando nel vivo, l’uscita di Salvini di oggi fa presagire che da qui al 4 marzo ne vedremo delle belle…
Da cittadino spero di no. Mi auguro davvero che nessuno per compiacere l’elettorato arrivi a proporre di cancellare che so, le multe per eccesso di velocità. Da elettore spero che il dibattito rimang nei binri della civiltà.

Vedi anche

Altri articoli