Breve spiegone sugli stipendi dei parlamentari

Opinioni

Otto NO per smontare (dove ce ne fosse ancora bisogno) la propaganda grillina su stipendi e rimborsi

Dopo aver letto commenti e post su Facebook in queste ore in merito agli interventi di Di Battista e Di Maio e su quanto siano “bravi ragazzi” ho capito che urge un: BREVE SPIEGONE SUGLI STIPENDI DEI PARLAMENTARI

NO non è vero che Dibba prende solo 3100 euro al mese netti. in media ne prende 9.500

NO non è vero che i rimborsi ci vengono restituiti, sono accreditati automaticamente insieme allo stipendio previa rendicontazione ogni 3 mesi

NO la rendicontazione dei 5 stelle non ha alcun valore legale. e non è sottoposta ad alcuna verifica di enti esterni.

NO non è vero che lui ha rinunciato alle spese per l’affitto perché abita a Roma. Come tutti i deputati li riceve come diaria sul suo conto corrente. Può dire che non li usa per pagarsi l’affitto. Ma come faccia una volta accreditati sul conto corrente a distinguerli dagli altri soldi è un mistero che conosce solo lui.

NO non è vero che non hanno l’assicurazione medica. Il pagamento dell’assicurazione viene automaticamente detratto dallo stipendio. a TUTTI

NO non è vero che loro restituiscono i soldi mentre noi ce li mangiamo.

I 5 stelle li versano su un fondo statale sul microcredito. Altri deputati li versano ad associazioni, altri al proprio partito, altri a progetti specifici, tutti hanno la stessa dignità. Segnalo, per altro, che in media i deputati del Pd ne versano di più….

NO non è vero che ha rinunciato al vitalizio. Tutti gli eletti per la prima volta nella XVII legislatura (questa) non ne hanno diritto.

NO non è vero che ha rinunciato a scorta ed auto blu: I PARLAMENTARI NON HANNO DIRITTO NE’ ALLA SCORTA NE’ ALL’AUTO BLU

Poi ognuno è libero di credere in ciò che vuole, per esempio ho scoperto che ci sono persone che guardano di più gli scontrini che i deputati presentano piuttosto che alle leggi che votano (chi se ne frega se non hanno votato le unioni civili!). Perché per loro il valore della politica non è la politica o i risultati che essa raggiunge, ma il conto corrente dei deputati.

Bene, bravi è la democrazia, credete in chi vi pare.

Permettetemi di pensare che la democrazia ha dei costi e che i suoi benefici si misurano nella qualità di quella democrazia e non nella demagogia becera da link di Facebook.

Scrivi la tua opinione su Unità.tv

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli