Finalmente una legge per rilanciare l’Italia dei borghi

Opinioni

Uno scenario di svolta per chi vive nei centri minori

Ieri al Senato, grazie all’iniziativa del Partito Democratico e al Governo, si è scritta una pagina storica per l’Italia dei borghi. Con l’approvazione della legge che vuole tutelare i piccoli comuni, si apre uno scenario di svolta per chi vive nei centri minori, basta borghi abbandonati, basta deserti alle spalle delle grandi città.

Finalmente vengono messe in campo politiche concrete per fare di questa Italia delle aree interne e marginali un grande cantiere di idee, un laboratorio per uno sviluppo legato alla bellezza, alla natura al buon vivere. Da oggi parte una grande rivoluzione ideale e sostanziale che rimette al centro dell’azione politica un’Italia bellissima ma troppo spesso dimenticata.

Ci piace credere, grazie alle misure messe in campo nel DDL Piccoli Comuni, che si tratti dell’inizio di un “controesodo” dove famiglie e imprese riconquistano territori: un grande West italiano 4.0, da scoprire e da rivivere.

Vogliamo immaginare virtuali carri di coloni che risalgono pendii e, invece di posare strade ferrate come nel vecchio West dell’America, posano fibra ottica, portano nuovi saperi, nuovi stili di vita e la speranza per le nuove generazioni di vivere l’armonia lenta di un borgo e di una natura ritrovata.

 

*Sindaco di Cerignale e Coordinatore nazionale Anci piccoli comuni

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli