Ma il nazionalismo cinematografico è fastidioso

Opinioni

In giro toni trionfalistici che non si addicono all’arte

Grande contentezza per Ennio Morricone, Maestro che ci accompagna con la sua musica da decenni e a cui il cinema mondiale deve molto. Oscar stra-meritato.

Però questo tifo nazionalistico per l’Italia personalmente risulta un pochino fastidioso. “Noi” abbiamo vinto l’Oscar. “Noi”. Come si dice per la squadra di calcio. O per il partito politico. “Noi” abbiamo battuto “loro” – ma chi, il cinema francese? Americano? Giapponese? – “noi” stiamo tornando grandi.

Qui si parla di arte, se non sbaglio. Non è che abbia molto senso fare il tifo per Raffaello contro Velasquez, per dire. O per Verdi contro Beethoven. Non ha proprio senso fare il tifo. Il cinema è cinema: se un film coreano o turco o australiano è più bello di uno italiano se ne prende atto, se ne discute. Non è che abbiamo perso i Mondiali di calcio.

Benissimo dunque che il cinema italiano torni a primeggiare – anche se sappiamo che l’epoca d’oro pare proprio irraggiungibile, stante il livello attuale di registi, sceneggiatori e attori – perché significa che il Paese ha ancora qualcosa da dire, ma fare della notte degli Oscar una qualunque giornata di campionato di calcio non è il massimo. Non facciamo del provincialismo, non facciamoci del male (come diceva un grande del cinema italiano).

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli