Incredibile, è ancora duello Prodi-Berlusconi

Opinioni

Il Sì di Prodi non deve stupire. E Silvio gioca la sua partita

Vent’anni dopo – come il romanzo di Dumas – è ancora Romano Prodi contro Silvio Berlusconi il match clou a quattro giorni dal voto.

Già. Se ieri l’ex Cavaliere aveva fatto una buona rentrée in tv da Floris, facendo schizzare lo share, mentre c’era lui, al 10%, oggi pomeriggio l’inventore dell’Ulivo ha rotto gli indugi e ha spiegato perché il 4 dicembre voterà Sì. Una scelta meditata ma alla fine ha sentito “il dovere” di far sentire la propria voce, alla quale tanti italiani non sono certo insensibili e che avrà l’effetto di dissipare dubbi e resistenze nel campo del centrosinistra (isolando – è un dato obiettivo – quella “sinistra ulivista” che è diventato un po’  il marchio dell’ultimo Bersani).

Non è che l’annuncio di Prodi sorprenda chi conosce il Professore e la sua disponibilità a schierarsi quando la battaglia si fa dura.

Solo Marco Travaglio, che, obnubilato dal proprio ego, poteva andare in giro giurando che il Prof avrebbe votato No.

D’altra parte, i “prodiani della prima ora” avevano da tempo scelto il Sì: da Arturo Parisi a Sandra Zampa, per fare i nomi di strettissimi collaboratori di Prodi all’epoca della sua leadership politica.

Sarà un caso, o forse no, ma la scesa in campo del leader ulivista segue quella del capo di Forza Italia, sin qui ondivago e tutto sommato marginale, che sembra invece ancora avere una forza di trascinamento del proprio elettorato “storico” al quale è come se dicesse: “Non andate con Renzi e non vi preoccupate di Salvini, ci sono ancora io”. Può essere che funzioni.

Vent’anni dopo, dunque, ecco di nuovo all’ultima curva della campagna referendaria Prodi versus Berlusconi, i duellanti della Seconda Repubblica: uno per andare avanti verso una possibile Terza Repubblica, l’altro per tornare alla Prima.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli