Occhio alla foglia di Fico

Opinioni

Non facciamoci rapire dalla perversione di chi si illude di vincere con i leader degli altri

Rimini. Fine settembre. Euforia grillina nella ridente città rivierasca. Grande festa di incoronazione per Luigi Di Maio. Sarà lui candidato premier per il partito di Grillo.

Dalla Casaleggio Associati fanno sapere che è stato scelto, su internet, da 30.936 votanti. Come fanno notare in molti, circa la metà dei presenti a Lucca per il concomitante concerto dei Rolling Stones; ma con molte più difficoltà dal punto di vista organizzativo. Questo è. Questi i luoghi, le persone, i numeri. Quindi, questi i fatti.

Ed ecco pronto l’affaire Fico. La registrazione, l’esposizione, l’analisi dei fatti suddetti, così eloquenti in quanto tali, cedono il passo alle tifoserie contrapposte. I grillini negano le spaccature, tutti gli altri (tranne MDP che di Grillo non parla mai) ne denunciano l’evidenza.

Ma Fico o non Fico che cambia? E Fico da solo che fa? Può al limite provocare un micro smottamento negli equilibri parlamentari. Ma non sarà dal singolo dissidente che si aprirà la crepa fatale per quella che è la costruzione più verticistica e democraticamente asfittica della nostra storia repubblicana.

Non facciamoci rapire dalla perversione di chi si illude di vincere con i leader degli altri. Avversari o alleati, la luce riflessa dei leader degli altri si spegne subito. Vedi il centrosinistra con Fini, la “brigata Calimera” con Tsipras o Corbyn, fino agli attuali scissionisti del PD con Toti in Liguria, Raggi a Roma, e nelle prossime settimane Musumeci in Sicilia.

Mentre ci crogioliamo nel certificare che Fico non era sul palco di Rimini, o che lo stesso frena su Di Maio come “capo politico”, si rischia che un’improvvisa schiarita in questo epico, drammaticissimo scontro, giunga a dimostrare che loro non sono un partito chiesa che silenzia e caccia gli eretici, e che la loro democrazia interna non è una battuta di spirito.

Non consentiamo che un eventuale ritorno all’ovile ci distragga dal fatto che, nella finta non-chalance di molti, i sacerdoti del web hanno seri problemi ad accendere il fuoco!

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli