Peccato, ma almeno si fa chiarezza

Opinioni

E’ chiaro che il problema posto da Mdp non è di contenuti

Peccato. C’era la possibilità di un’alleanza larga, anche riscoprendo il senso di un centrosinistra davvero plurale in grado di meglio competere con le due destre nei collegi uninominali: e invece niente. Mdp ha rotto.

Il Pd ci ha creduto davvero. Non si manda in avanscoperta un uomo con il prestigio di Piero Fassino se si è sicuri che l’accordo con Mdp non si farà. Da parte di Fassino c’era disponibilità a scrivere insieme agli altri il famoso “foglio bianco”, mettendoci dentro anche nuove indicazioni programmatiche a partire dal tema del lavoro.

Ma si era capito che il problema posto da Mdp non è di contenuti. La questione è la leadership del Pd. Qualcosa che, ovviamente, non può essere oggetto di discussione.

I bersanian-dalemiani si presenteranno in tutti i collegi e con ogni probabilità non ne prenderanno nemmeno uno. In compenso, ne sottrarranno al Pd: e tanto basti.

Cercheranno di giocare la carta-Grasso, il che è tutto da vedere. Non è detto che il presidente del Senato abbia voglia di guidare una piccola lista “rossa”. Vedremo.

Un Pd che però grazie alla “missione” di Fassino è già cambiato. Alcune intese sono giù state siglate, altre sono in gestazione: il Pd è già oggi una coalizione. Che probabilmente alla fine sarà anche “benedetta” da Romano Prodi (e sarebbe una bella vendetta della storia se il “nuovo Ulivo” evocato un po’ alla buona da Bersani alla fine si ritrovasse più nell’orbita del Pd che non in quella di Mdp).

Missione conclusa, dunque. Con una rottura che ricorda le pagine più tristi della storia della sinistra italiana, sempre foriere di vittorie della destra. Però è anche paradossalmente un elemento di chiarezza. Per l’oggi e soprattutto per il domani, quando si tireranno le somme e ci si guarderà di nuovo negli occhi.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli