Perché il Pd non parla più del Sud?

Opinioni

Il governo ha continuato a lavorare per risollevare il Mezzogiorno, ma manca una discussione politica che deve coinvolgere anche i giovani

Il 2015 al Sud si chiude con uno +0,1% di crescita: dopo sette anni ritorna il segno più, ma il tasso di crescita è ancora troppo debole. Questo vuol dire che l’Italia è ripartita, il Sud no. Qualche timido segnale di ripresa si è visto sul fronte degli occupati e dei consumi, ma è troppo poco per un’area che ha perso 13 punti di Pil dal 2008 al 2014, 600mila posti di lavoro e ha visto crollare gli investimenti e raddoppiare il tasso di povertà.

La scorsa estate, il segretario Renzi ha convocato una direzione ad hoc sul sud, nel corso della quale è stato annunciato il Masterplan per il Sud che è stato presentato nel mese di ottobre e che ora dovrà essere integrato con i singoli patti che saranno definiti dal lavoro comune del Governo con le Regioni e le Città metropolitane.

Se nei mesi dopo la direzione il governo ha continuato a lavorare per il Sud, è mancata una discussione a più livelli targata Pd. Ha provato a farlo la Confindustria che si è riunita in una città simbolo del declino o del rilancio del Mezzogiorno, Taranto; lo sta facendo la Cgil con il suo Laboratorio Sud – Idee per il Paese, ma non il Pd. Eppure tutte le Regioni sono guidate da esponenti del nostro partito, così come buona parte delle Città metropolitane e siamo l’unico partito che ha un’organizzazione ramificata in tutto il Paese. Ecco, noi non dobbiamo tornare ad appassionarci o a interessarci del Sud il giorno dopo la pubblicazione del rapporto Svimez o di un editoriale, perché non stiamo parlando di un tema qualunque, ma del rilancio di un’area importante per il nostro Paese e per l’Europa. Dobbiamo essere noi quelli che dobbiamo guidare il percorso di rilancio del Mezzogiorno, perché questa volta non ci sono più alibi o scuse.

Un percorso che anche alla luce del congresso nazionale dobbiamo intraprendere anche noi Giovani democratici: partendo dai territori per arrivare poi all’assise nazionale, dobbiamo mettere nero su bianco la nostra idea di Mezzogiorno. Usiamo i nostri congressi per discutere dei problemi che riguardano la nostra generazione, i nostri territori: dalla formazione al lavoro, passando per la banda larga, la mobilità, la riqualificazione delle nostre città e delle periferie. Dobbiamo dare risposte ad una generazione che ha pagato il costo di una crisi economica e sociale senza precedenti e le mancate scelte di una classe dirigente pavida e parassitaria.

Per fare questo il Sud deve ritornare al centro della nostra agenda. Il Sud dovrà essere il centro dell’azione riformista del Pd nel 2016, a livello nazionale e regionale, per spazzare via il vento della rassegnazione e far soffiare anche al Sud il vento della speranza e del cambiamento.

Scrivi la tua opinione su Unità.tv

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli