Quei figli di Mignogna

Opinioni

Grillini e leghisti uniti nella lotta con la mondezza informativa

Dunque, grazie a David Puente – ex dipendente della Casaleggio Associati (il Cremlino del Movimento Cinque Stelle) – si scopre che la persona che gestisce la connection di siti di propaganda  filo leghista e filo grillina ha un nome e cognome: si chiama Marco Mignogna, un super-smanettone che riesce a raggiungere sui social centinaia di migliaia di persone.

Repubblica oggi dà notizia che questo Mignogna gestisce da solo 19 siti e si autodefinisce “trumperizzato fino al midollo”, qualunque cosa ciò voglia dire. Pare sia una specie di leghista del sud (è di Afragola, Napoli) però è anche simpatizzante del M5s. “Il network di Mignogna è un grande calderone di notizie recuperate sul web – scrivono Brunelli e Toniutti sul giornale di Calabresi – sono siti che lavorano molto sul clickbait, ovvero l’invenzione di titoli acciappaclic”.

Non sempre sono esattamente fake news ma come minimo ci vanno vicino. Il confine è labile. La titolazione inganna.  Esempio: “Ratzinger fu costretto a dimettersi perché era contro l’islamizzazione”: si fa leggere, come si dice in gergo. Anche se a una persona normale basta un secondo per capire che è una fesseria. Ma il clic lo fa. E con esso i soldi che il clic si porta appresso.

Dentro questa mondezza informativa grillini e salviniani uniti nella lotta ci sguazzano, quei figli di Mignogna.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli