Il servizio civile, l’altra narrazione del mondo giovanile

Opinioni

Sono in tanti i giovani che scelgono l’esperienza del servizio civile, noi dobbiamo impegnarci per rispondere a questa richiesta

In questi anni stiamo compiendo una rivoluzione silenziosa e pacifica. Con i tagli di Berlusconi il servizio civile era stato azzerato. Nel 2013 era a quota 13mila e ora l’abbiamo portato a quasi 50mila partecipanti. Una crescita esponenziale che simboleggia bene la risposta che i giovani hanno dato a fronte di un gesto di attenzione da parte del governo.

Il servizio civile è fondamentale, non solo perché rappresenta un’esperienza concreta rivolta agli ultimi e non solo agli ultimi, ma perché riesce a dare un’altra narrazione del mondo giovanile. Non più un mondo descritto come svogliato o disinteressato, ma un mondo capace di mobilitarsi per il volontariato e per la solidarietà.

Il servizio civile non è solo un importante laboratorio di cittadinanza attiva ma anche un’esperienza che permette di acquisire competenze valutate con attenzione anche dal mondo imprenditoriale. Ora la sfida è quella di raggiungere l’obiettivo che ci siamo prefissati: far sì che si arrivi a coprire tutte le richieste, il servizio civile universale sia davvero per tutti.

Vedi anche

Altri articoli