Solo una Costituzione europea potrà mettere fine agli egoismi nazionali

Opinioni

Spinelli e tutti i confinati di Ventotene non ci hanno regalato un sogno in cui credere ma un futuro in cui sperare

Come tutte le grandi cose anche l’Europa è giunta ad una svolta. Una svolta nella quale deve decidere se sopravvivere o perire. Molti euro scettici affermano:” È finito il sogno” ma Spinelli e tutti i confinati di Ventotene non ci hanno regalato un sogno in cui credere ma un futuro in cui sperare.

Ed è solo grazie a questa speranza se in Europa non ci sono più guerre da settant’anni, se non ci sono più totalitarismi che seminano terrore privando le persone non solo della libertà ma soprattutto della dignità. Una dignità che non è stata ignorata dopo la Seconda Guerra mondiale arrivando a far promettere a tutti i leader dei vari stato coinvolti nel conflitto “Mai più accadrà”. Questa promessa ad oggi è stata mantenuta come tantissime altre.

La famosa Europa Federale è a metà strada per essere realizzata tuttavia, al momento, sarebbe improponibile perché la difficile equazione che rende gli Stati europei uguali fra loro, con gli stessi diritti ed in particolare gli stessi  doveri, non è ancora stata risolta. La soluzione a questo difficile calcolo si chiama Costituzione europea ossia una legge fondamentale al di sopra di tutti gli ordinamenti giuridici nazionali.

Solo se porteremo a termine questo progetto potremo continuare ad essere “uniti nelle diversità”

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli