Wilshire Boulevard, lì dove hanno ucciso Bobby Kennedy

Opinioni

Da Los Angeles alla Leopolda8, il significato dell'”Incontro”

Incontro è espressione di affinità e condivisione, piacere e emozione, scoperta e apertura, fiducia e speranza. C’è stato un incontro in questo mio 2017 che ha racchiuso tutto quanto. Un incontro del tutto inatteso, sorprendente, unico. È accaduto qualche settimana fa. Mi trovavo in un posto da lungo inseguito e cercato. Un luogo che ha rappresentato per me l’inizio di un percorso che da un senso al tutto. Ero a Los Angeles, California, al 3386 di Wilshire Boulevard. Un luogo che per me ha sempre rappresentato un sogno spezzato, e di conseguenza la mia eredità.

Sono cresciuto a Bergamo, in una famiglia formatasi negli Anni Sessanta contando sull’ispirazione di un grande della nostra terra, Papa Roncalli, che mio padre ebbe più volte la fortuna di incontrare prima che diventasse Giovanni XXIII. Sono stato educato con questo grande riferimento a cui venivano associate figure che con lui rappresentavano un’intera epoca, John e Robert Kennedy insieme a Martin Luther King.

E quel giorno in Wilshire Boulevard stavo cercando l’anima più profonda di chi tra di loro ha poi nel mio percorso personale acquisito sempre maggiore importanza. In Wilshire Boulevard sorgeva fino a pochi anni fa l’Hotel Ambassador, in cui il 5 giugno 1968 si celebrò una delle più drammatiche vicende della nostra storia recente. Ora lì è stato creato uno spazio pubblico, con un parco, un monumento e una scuola. Arrivo, mi avvicino con profondo rispetto, osservo, mi fermo, rifletto. Un momento di massima assoluta intimità, di rimozione di ogni mia maschera, di ricerca dei significati più profondi nella scoperta di me stesso.

In quell’esatto istante un uomo mi chiama.

Mi giro e sulla strada adiacente, solo, c’è un signore. Afroamericano, su una bicicletta parecchio malridotta sulla quale porta diversi sacchetti di plastica pieni fino all’orlo. E’ anziano, gli mancano alcuni denti. Mi saluta e mi dice “Qui hanno ucciso Bobby Kennedy”. A mia volta lo saluto e gli rispondo “Sono qui apposta dall’Italia”. Vedo l’emozione comparire immediata sul volto di questo signore, che scende dalla sua bicicletta, la appoggia ad una panchina e viene verso di me.Con l’emozione nei suoi occhi mi porge gentilmente il suo pugno chiuso e io contraccambio.

I nostri pugni chiusi si toccano. Lui mi ringrazia emozionato, io faccio altrettanto. In questo gesto c’è tutto il nostro essere, il nostro modo di vedere il mondo, i nostri ideali e i nostri valori, la nostra visione e la nostra speranza, la nostra eredità e la nostra responsabilità nel cercare di contribuire a costruire un mondo migliore, insieme. Siamo nati a migliaia di chilometri di distanza, in anni profondamente diversi, in paesi profondamente diversi, da famiglie profondamente diverse. Siamo di razza, estrazione sociale, cultura, disponibilità economiche diverse, ma c’è un’eredità profonda che ci unisce, che ci fa subito riconoscere, sentire parte di una comune visione che ci spinge alla ricerca di un comune destino, di una comune responsabilità nella ricerca della costruzione di un mondo migliore.

E tutto questo grazie alla Politica, alla bellezza della Politica lasciataci in eredità da chi ci ha preceduti ed ha intrapreso un percorso personale fondato sulla ricerca di progresso sociale e uguaglianza – indipendentemente da chi sei, da dove vieni, quello che sembri, o che ami – in una lotta per dare piena dignità alle persone, offrendo a tutti la possibilità di poter contare su un uguale punto di partenza per realizzare le proprie aspirazioni con la preoccupazione di non lasciare indietro nessuno.

“Sappiamo cosa dobbiamo fare. Dobbiamo ottenere una vera giustizia uguale per tutti. Dobbiamo ammettere la vanità e vacuità delle false distinzioni tra gli uomini e imparare a cercare il nostro miglioramento attraverso il miglioramento di tutti” (ndr. Robert F. Kennedy, City Club of Cleveland, Cleveland, Ohio, Usa, 5 aprile 1968), diceva Bobby Kennedy due mesi esatti prima di essere assassinato all’Hotel Ambassador.

Ora lì sorge un parco con un monumento con le sue parole e dietro una scuola. Entrambi dedicati a Robert F. Kennedy, il parco si chiama “Inspiration Park” e la scuola “School of Community”. L’ispirazione e la comunità da lui volute, cercate e trasmesseci con il suo esempio di vita e la sua Politica, che a 50 anni di distanza ancora ci guidano. La nostra eredità, la bellezza della Politica, che abbiamo la responsabilità di mantenere al centro della scena. Insieme. Ne va del nostro futuro e del nostro destino.

Il mio essere qui, il nostro incontro di oggi qui, arriva da lì.

Grazie Bobby. Grazie a tutti.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli